Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

Vai e vivrai

Um Raquba, un puntino sulla carta del Sudan meridionale, ottantamila “abitanti” in questo campo di profughi, vestiti di stracci, mezzi nudi, sfiancati, luogo di morte fra molti altri sulla Terra in questo XX secolo. Qui sono a migliaia ad aspettare non si sa cosa, anche la speranza appare vana. Oggi il medico avrà nuovi medicinali? Domani ci sarà l’acqua, qualcosa da mangiare, si vedrà comparire il camion col telone con sopra un logo colorato, scritto con i segni di una lingua lontana che qui nessuno di quelli che hanno fame sa leggere? Arriverà finalmente la clemenza della natura? Queste le domande che ossessionano i rifugiati ammassati nell’accampamento dal colore ocra spento del deserto.

R. Mihaileanu / A. Dugrand

post

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: