Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

E venni al mondo

INCIPIT

Erano le spalline di Mauro, quelle che si metteva sotto il body nero a manica lunga che lo rendevano tanto panterona, a emergere per prime dalla nebbia rarefatta nella luce gialla dei lampioni del viale che, dalla Stazione ferroviaria, accompagnava a Corso del Popolo. I fasci di luce sulla strada erano tediati da nugoli evanescenti di zanzare e falene divoratrici della succulenta luce a sbafo. Le sapeva tutte le canzoni di Umberto Tozzi, era davvero un bel ragazzo, Mauro era andato a vederlo anche di persona in una tappa del Festivalbar a Verona; il capello lungo mosso e la pelle lattiginosa femminea gli provocavano un brivido lungo la schiena ogni volta che guardava la cover della musicassetta che teneva, fermata da una calamita, sul cruscotto della macchina.

Barbara Buoso

post

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: