frida-filmNel 2002 Julie Taymor ha realizzato un bellissimo film – totalmente girato in Messico – dedicato alla vita dell’artista Frida Kahlo, presentato alla 59° Mostra del Cinema di Venezia. Il cast è notevole. In primis la splendida Salma Hayek, messicana di nascita, che in questo ruolo ha vinto l’Oscar come Migliore Attrice: è così dentro il personaggio che ti sembra di vedere Frida in persona. Anche Alfred Molina nei panni di Diego Rivera risulta molto credibile; ci sono anche Valeria Golino e Antonio Banderas, tra gli altri. La colonna sonora di Elliot Goldenthal e i costumi di Julie Weiss impreziosiscono la pellicola: rispettivamente, Oscar come miglior colonna sonora e nomination. Il film si basa fedelmente sulla biografia dell’artista scritta da Hayden Herrera, “Frida. Una biografia di Frida Kahlo” ; oltre a questa, vi consiglio la lettura de “Il diario perduto di Frida Kahlo“, di Alexandra Scheiman.

frida-kahlo-a-lettoFrida voleva fare il medico ma un tragico incidente stradale glielo impedì, consegnandola alla storia grazie al suo talento che proprio durante la lunga convalescenza iniziò a coltivare. Sarebbe sicuramente emerso in altro modo perché urgeva nel suo animo, ma la sofferenza, il dolore che accompagnarono la scoperta di se stessa come artista, rimarranno i motivi ispiratori della sua arte. Frida è una pittrice intimista, individualista e nelle sue opere traspaiono il dolore fisico e spirituale, le lacerazioni, le contraddizioni. Anche l’occhio anatomico del medico, trasmesso nei particolari di vene, organi, cordoni ombelicali raffigurati nelle sue opere, come nella celeberrima “Le due Fride“.

kahlo

Al centro del film, oltre all’arte e al rapporto con essa, sta il sodalizio artistico e il rapporto altalenante e burrascoso con Diego Rivera, l’artista che Frida sposerà due volte; lo amerà, lo odierà per i tanti tradimenti – il culmine con la sorella di Frida, Cristina – lo tradirà ma lo vorrà sempre al suo fianco, fino al momento della morte.

frida-tangoSi parla anche del suo essere bisessuale e della relazione con la pittrice Tina Modotti. Indimenticabile il tango che le due ballano, da sole, al centro della sala con tutti gli astanti che le guardano, con la musica suonata dai musicisti e la voce della cantante a dare ritmo alla scena. Un tango sensuale ballato da due donne, sotto gli  occhi del marito, con tanto di bacio finale.

frida-in-verdeFrida Kahlo è divenuta anche un’icona della moda per gli abiti da india che indossava: colorati, svolazzanti a volte, con dei bustini sexy che in realtà coprivano i busti che era obbligata ad indossare. Amava quel genere di abiti perché si sentiva vicina alle donne messicane del popolo: anche in questo il film rende in modo meraviglioso il suo stile con dei costumi perfetti.

Vi suggerisco di non perdere la mostra a Bologna, a Palazzo Albergati fino a marzo 2017: sono in mostra le opere della Collezione Gelman relative all’arte messicana del XX secolo, con opere di Frida Kahlo, Diego Rivera e molti altri artisti. Esposizione dall’allestimento originale e suggestivo, che propone un percorso tra opere d’arte, fotografie d’epoca, ricostruzioni ambientali. Originale la ricostruzione della stanza da letto e del rapporto di Frida con la medicina. Molto bella la sala che contiene gli abiti ispirati a lei e creati da Gianfanco Ferrè, Antonio Marras, Valentino, mentre Jean-Paul Gaultier ha concesso il video del ’97, Tribute to Frida Kahlo.frida-mostra

 

Annunci